Arriva la bella stagione e per qualcuna subentra anche quella fastidiosa sensazione di gambe pesanti che si intensifica sempre di più con l’innalzamento delle temperature.

I fattori che contribuiscono a scatenare questa condizione sono molteplici e possono derivare da una matrice patogena, oppure essere circoscritti ad una condizione particolare e temporanea di accumulo di liquidi (ritenzione idrica).

Ovviamente è sempre necessario rivolgersi al proprio medico per prevenire ed escludere eventuali patologie quali insufficienza renale, insufficienza venosa o malattie cardiache. Le indicazioni che troverai nel presente documento non intendono sostituire il parere del medico, pertanto invitiamo sempre al consulto di personale sanitario.

1. Cause delle gambe gonfie
2. Gonfiore di gambe e caviglie in gravidanza
3. Gonfiore di gambe e caviglie prima del ciclo mestruale
4. Gonfiore di gambe e caviglie in menopausa
5. Rimedi naturali per le gambe e caviglie gonfie
6. Rimedi e strategie per riattivare il circolo venoso

Cause delle gambe gonfie

Quando trascorri tante ore in piedi, o al contrario troppe ore seduta, può verificarsi che a fine giornata le caviglie siano particolarmente gonfie e le gambe stanche e pesanti, con una sensazione di affaticamento e formicolio costante.

Infatti, mantenendo per troppe ore una posizione eretta e qualora i muscoli non siano sufficientemente allenati a tale condizione, il sangue fatica a raggiungere il cuore, creando accumuli localizzati spesso nelle zone inferiori (piedi, caviglie, polpacci e cosce) che si accentuano in assenza di un’adeguata azione drenante del sistema linfatico.

Questa condizione tende ad amplificarsi con l’aumentare delle temperature, poiché il caldo esercita un aumento della vasodilatazione, acutizzando il ristagno dei liquidi.

Gonfiore di gambe e caviglie in gravidanza

Per le donne in gravidanza, questa condizione di accumulo di liquidi è fisiologica e si intensifica verso gli ultimi mesi di gestazione.

Ciò è scatenato in particolare da due fattori: il primo è la produzione di ormoni come l’aldosterone e il cortisolo, responsabili della ritenzione idrica, mentre il secondo deriva dall’ingrossamento dell’utero che interferisce con il regolare flusso sanguigno che dagli arti inferiori va verso il sistema cardiaco.

In gravidanza, per alleviare il gonfiore delle gambe e agevolare il flusso sanguigno, ci possono essere alcuni suggerimenti come il riposo a gambe sollevate o la distensione sul lato sinistro del corpo.

Gonfiore di gambe e caviglie prima del ciclo mestruale

Qualche giorno prima dell’inizio delle mestruazioni il corpo femminile subisce importanti e significativi cambiamenti ormonali. Come è possibile vedere nel disegno qui sotto, infatti, si assiste ad un aumento significativo di estrogeni e di progesterone, che essendo vasodilatatori sono responsabili dell’equilibrio idrico del corpo. Un’eccessiva produzione di tali ormoni porta quindi a un accumulo di liquidi che causa il gonfiore localizzato.

Fonte immagine: msdmanuals.com

Gonfiore di gambe e caviglie in menopausa

Nel corpo femminile, dopo la menopausa, si assiste ad un’alterazione significativa della produzione degli ormoni responsabili dell’equilibrio idrico, quali estrogeni e ormoni progestinici.

Come si evidenzia dal disegno qui di seguito, si assiste ad una significativa diminuzione della produzione di questi ormoni e di conseguenza, oltre ad assistere a un rallentamento del metabolismo, si verifica un ristagno di liquidi che porta dunque alla ritenzione idrica e al rigonfiamento delle zone come gambe, caviglie e piedi.

Fonte immagine: msdmanuals.com

Rimedi naturali per le gambe e caviglie gonfie

Come sempre la natura ci viene incontro con elementi e componenti che, grazie ai loro principi attivi, contribuiscono alla normale azione antiossidante.

Ecco un elenco dei principali botanici amici delle tue gambe e dei relativi effetti fisiologici:

  • Ginkgo biloba: un albero antichissimo, originario dalla Cina. Dalle bellissime foglie di questa pianta si estraggono principi attivi responsabili del buon funzionamento del microcircolo sanguigno*.
  • Vitis vinifera: chiamata volgarmente vite, ha un’azione antiossidante. Le foglie sono utilizzate per regolare la funzionalità dell’apparato cardiovascolare e normalizzare la funzionalità del microcircolo, alleviando così la sensazione di pesantezza alle gambe.
  • Vaccinium myrtillus: detto anche mirtillo nero. Da questa pianta si estraggono principi attivi utili al buon funzionamento del microcircolo e del drenaggio dei liquidi corporei.
  • Aesculus hippocastanum L. (ippocastano): dalla corteccia della pianta si estraggono principi attivi per il buon funzionamento del microcircolo.

Rimedi e strategie per riattivare il circolo venoso

Come affrontato nei paragrafi precedenti, le gambe gonfie possono essere derivate da un accumulo dei liquidi e da un’inefficienza dell’azione drenante del sistema linfatico.

Ci sono così delle tecniche e delle strategie che, se adottate con costanza, aiutano la circolazione sanguigna e di conseguenza possono alleviare il dolore alle gambe, prevenire l’insorgenza del gonfiore e aiutarci a sentirci gambe e caviglie più leggere.

Qui di seguito potrai scaricare una guida pratica con le migliori soluzioni per gambe leggere, naturalmente!

eBook-guida-pratica-per-il-benessere-delle-gambe