Pensa alla nonna e prova i rimedi a base di oli essenziali e bevande calde. Il tuo naso ti ringrazierà.

Quando le vie respiratorie provocano il fastidioso "naso chiuso"?

Tra le cause del naso tappato al primo posto ci sono sicuramente le infezioni da parte dei virus, fonte dell'infiammazione delle mucose respiratorie che provoca la cosiddetta congestione nasale e, in alcuni casi, anche il mal di gola.

Ma cosa succede in caso di raffreddore? Infettata dai virus, la mucosa nasale si ingrossa riducendo lo spazio della cavità nasale, favorendo così l'accumulo di muco e provocando quella che comunemente viene definita sensazione del naso chiuso.

Ci sono altri fattori che possono intervenire. Il naso tappato può infatti sopraggiungere a causa di allergie, per esempio alla polvere o al polline.

Esistono poi cause più importanti come la deviazione del setto nasale e la poliposi nasale che possono causare l'ostruzione delle vie respiratorie, scatenando altri effetti collaterali come il mal di testa. 

È importante ricordare che il naso chiuso è uno dei sintomi più frequenti del raffreddore, causato dai meccanismi di difesa del tuo organismo, che grazie al sistema immunitario cerca di debellare il virus.

Mai più naso chiuso: tre rimedi molto utili per "liberare il respiro"

I rimedi casalinghi sono i più semplici da fare quando il naso chiuso sembra non darti tregua. I consigli della nonna quasi sempre sono i migliori per aiutarti a combattere i malesseri di stagione, utilizzando elementi naturali dalle grandi proprietà benefiche.

Tre soluzioni che puoi adottare in caso di naso chiuso:

  • prepara dei suffumigi a base di oli essenziali. Puoi usare l'Eucalipto che ha un effetto balsamico e svolge un'azione emolliente e lenitiva della mucosa orofaringea o il Tea Tree oil che aiuta la funzionalità delle prime vie respiratorie. Versa qualche goccia in una bacinella di acqua calda, copri la testa e respira profondamente a occhi chiusi per qualche minuto;
  • fai i lavaggi nasali con del semplice sale grosso da cucina. Usa circa ½ litro di acqua tiepida dove sciogliere un cucchiaino di sale grosso, poi immergi il naso nell'acqua e inspira, cercando di far entrare il liquido dentro la cavità nasale. Lascia fuoriuscire l'acqua dal naso senza soffiare, ripeti questa operazione con tutte e due le narici. Alla fine, soffia tutta l'acqua rimasta da una narice, tappando l'altra e viceversa. Mantenendo sempre pulito il naso, potrai prevenire l'infiammazione delle mucose nasali e limitare la possibilità dell'insorgenza dell'effetto naso chiuso;

  • bevi molte bevande calde, soprattutto tè e tisane, che favoriscono la fluidità del muco e quindi aiutano a far si che non otturi il naso. Ottima l'azione della camomilla che coadiuva il normale funzionamento dell'apparato respiratorio, e della malva, utile a fluidificare le secrezioni bronchiali e a svolgere un'azione emolliente e lenitiva della mucosa orofaringea.

Una tisana molto apprezzata è anche quella a base di radice di zenzero, scorza di limone e qualche chiodo di garofano. Lo zenzero è conosciuto sin dall'antichità per le sue note proprietà sulle vie respiratorie e come antibatterico naturale. Lascialo in infusione in acqua calda per 5 minuti, insieme allo zest e ai chiodi di garofano, poi bevilo al naturale o con un cucchiaino di miele.

Spray nasali: un aiuto sempre a portata di mano

Fuori casa o al lavoro non è sempre possibile mettere in pratica rimedi casalinghi, allora è importante avere con sé uno spray nasale. Scegli un prodotto con essenze naturali, magari con Aloe vera e soluzione salina, che aiutano a diminuire notevolmente il fastidio del naso chiuso e a supportare una buona respirazione, soprattutto in ambienti chiusi.